I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
 progetto del mese  la cassetta degli attrezzi segnali di lettura  scelti per voi
 zoom editoria
Bookmark and Share
Il diritto all’immaginazione è universale!

Habiba la magica
Chiara Ingrao
Coccole books, 2014, p. 148
€ 10,00 ; Età: da 9 anni

"Habiba la magica" vive a Roma, in periferia, come tanti altri immigrati. Ha la pelle scura, i capelli con le treccine, tifa per la Roma e certo non ama i laziali. Habiba è nata in Italia da mamma africana, frequenta scuole italiane, parla romano, si sente molto italiana ma non lo é per via della legge che non la riconosce tale. Sin qui l'identikit della piccola afro-italiana, che un giorno riceve in dono da una strega che sta andando in pensione una scopa magica. La più prodigiosa delle magie che sa compiere è far volare le persone. Ancora più sorprendente è che a un certo punto Habiba impari a volare da sola. Glielo ha suggerito il vento dicendole "chi vuole vola". Così la piccola protagonista scoprirà le bellezze di Roma e risolverà con i suoi amici il giallo di un rapimento. Soprattutto, scoprirà la forza che ciascuno di noi ha e non sa di avere.
A chi chiede all'autrice Chiara Ingrao se la sua sia una storia di immigrazione, di diritti negati, di identità non riconosciute e di integrazioni riuscite (o fallite), si sentirà rispondere di no. O meglio, è questo, ma è soprattutto altro. "Più che sul razzismo, direi che la mia è una fiaba che rivendica il diritto all'immaginazione per tutti e tutte", ha sottolineato l'autrice in una recente intervista. Racconta come sia stata colpita – leggendo un articolo sul New York Times apparso proprio nei giorni in cui usciva il suo libro – dal fatto che solo una piccolissima percentuale di protagonisti della recente letteratura per ragazzi è di colore e come, nella quasi totalità, la loro presenza sia confinata in ruoli di "protesta sociale", lì dove si tratta di raccontare storie di diritti civili o di emarginazione. Con Habiba, invece, Chiara Ingrao vuole compiere un'altra operazione. Associa il racconto dell'immigrazione e dell'integrazione a quello della immaginazione rivendicando anche questo diritto. In fondo, raffigurare un piccolo immigrato o di famiglia di immigrati solo come un individuo che deve conquistare diritti concreti (sia pur fondamentali) e non anche quelli "immateriali" come il diritto al gioco, alla fantasia, al sogno, all'immaginazione è anche questa una forma di razzismo, sembra suggerire il libro.

Vichi De Marchi
(da LiBeR 104)

Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter