I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
 progetto del mese  la cassetta degli attrezzi segnali di lettura  scelti per voi
 zoom editoria
Bookmark and Share
La forza dei legami non convenzionali

Crictor: il serpente buono
Tomi Ungerer; trad. di E.F. Sala
Mondadori Electa, 2012, p. 32
(Electa kids)
€ 12,90 ; Età: da 4 anni

Sbadiglieremmo di noia ascoltando la storia di un’anziana signora e del suo cagnolino, ma tutto cambia se l’animale è un serpente boa. Nell’introdurre questa insolita ma significativa variazione Tomi Ungerer trasforma un racconto prevedibile in una felice invenzione che crea attesa e curiosità.
Un giorno Madame Louise Bodot riceve in dono uno strano pacco contenente – sorpresa! – un boa constrictor. Dopo l’iniziale sgomento, la signora si affeziona talmente all’animale da circondarlo di mille attenzioni: gli confeziona un maglione per le giornate fredde, gli arreda la camera con le palme per farlo sentire a suo agio, lo porta addirittura a scuola e Crictor (così si chiama il boa) assimila “a modo suo” lettere e numeri. Tanto amore è ampiamente ricambiato dall’animale, che si dimostra affettuoso e servizievole come con cagnolino, anzi di più, perché non è dato a un cane possedere le stesse qualità di un serpente – e lasciamo al lettore la sorpresa di scoprire come Crictor saprà mettere a frutto la sua naturale indole per difendere Madame.
Le illustrazioni al tratto rimandano allo stile caratteristico del disegno satirico, veloce e sobrio nel bianco e nero, ma ravvivato qui da rare stesure di verde e di rosso. È peraltro piacevole notare i numerosi dettagli visivi, mai citati dal testo, che Tomi Ungerer inserisce e che rendono le immagini narrativamente interessanti, come la forma a O del pacco, il letto (naturalmente lunghissimo), lo stretto e affusolato maglione di lana e le continue varianti formali del corpo di Crictor.
Apparsa la prima volta nel 1958 per i tipi della statunitense Harper & Brothers, la storia non ha perso nulla dell’originaria freschezza e il suo pregio sta ancora nella tenerezza che ispira questo serpente, nel messaggio che trasmette: apre la mente, sviluppa l’attenzione per ciò che non è convenzionale, suggerisce di non fermarsi all’evidenza. Fondamentalmente anticonformista, di tutto ciò ha dato testimonianza Tomi Ungerer nel corso della propria vita, sia come grafico sia come autore per bambini.

Angela Dal Gobbo
(da LiBeR 96)
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter