I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
 progetto del mese  la cassetta degli attrezzi segnali di lettura  scelti per voi
 zoom editoria
Bookmark and Share
Prequel del noto investigatore Sherlock

L’occhio del corvo: la prima avventura del giovane Sherlock Holmes
Shane Peacock; trad. di L. Santini
Feltrinelli, 2011, p. 254
(Feltrinelli kids)
€ 14, 00 ; Età: da 12 anni

Sono passati più di 120 anni dalla prima indagine di Sherlock Holmes (Uno studio in rosso) e 80 dalla morte del suo creatore, eppure la figura del grande detective continua ad abitare nell’immaginario contemporaneo, a provocare riletture, remake, imitazioni, serialità e sequel. Ora in una sorta di prequel troviamo il tredicenne Sherlock povero e frustrato, figlio di una nobildonna sposata a un filosofo e scienziato ebreo e, per questo, lei ripudiata dalla famiglia e lui cacciato dall’università. Il ragazzo rivela già le brillanti doti di osservazione e analisi che ne faranno il più famoso investigatore di tutti i tempi, soffre la condizione di miserabilità che sa ingiusta, odia malvagità e crimine.
Una giovane e bella donna viene trovata accoltellata in un vicolo dei bassifondi, solo i corvi, attirati da oggetti luccicanti come i gioielli o come un occhio di vetro (poi determinante per scoprire l’assassino), hanno visto. Il giovane detective dovrà entrare nelle penne nere e oleose dell’uccello, adottare il suo sguardo, raccogliere e collegare indizio dopo indizio, fare ipotesi e provarle, per salvare un giovane arabo – che la polizia vuol trasformare in facile capro espiatorio – e addirittura se stesso.
Il racconto è fascinosamente ambientato nel 1867 in una Londra tutta dickensiana, magnifica e orribile, opulenta e miserabile, tra ricchi palazzi e fetide topaie, avvolta in un’onnipresente nebbia giallognola che favorisce un’atmosfera gotica, dark, dove compaiono figure bizzarre o mostruose, spesso criminali. Ma anche dove, nelle piazze del centro, si possono incontrare personaggi storici come il reverendo Carroll o l’amatissimo Dickens, il premier Gladstone e Disraeli, che diverrà anche lui primo ministro, malgrado sia ebreo, come ricorda a Sherlock il padre per rincuorarlo quando gli altri ragazzi lo insultano come Giuda. Il romanzo sociale si contamina col feuilleton. Malefactor, capo degli Irregolari, che ammira e aiuta Sherlock ma sembra anche detestarlo, si annuncia già come un “Napoleone del crimine” in miniatura: diventerà forse il nemico mortale Moriarty? Siamo soltanto alla “prima avventura”, come promette il sottotitolo del libro.

Fernando Rotondo
(da LiBeR 92)
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter