I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
 progetto del mese  la cassetta degli attrezzi segnali di lettura  scelti per voi
 zoom editoria
Bookmark and Share
Cartoline per accettarsi

Imperfetta
Andrea Dorfman; trad. di M. Piumini
Einaudi Ragazzi, 2019, 88 p.
€ 12,00 ; Età: da 9 anni

Storia di una “rimozione” che trova la sua via di Damasco, incontrando l’amore. All’inizio, il graphic novel Imperfetta, realizzato dall'autrice del film omonimo che ha preceduto il racconto in altro formato, disorienta il lettore. L’opera che vive di disegni e di parole sembra contraddire il suo statuto, per via di un certo strabismo: un approccio stilisticamente infantile guida l’immagine; uno sguardo adulto, critico, dolorosamente intimo, procede a divergerne. Una storia personale torna sui suoi passi, alla ricerca di tracce e passaggi che conducono a una situazione attuale. L’autobiografia irrompe e la negazione del problema che ha condizionato l’infanzia e l’adolescenza della protagonista-autrice deflagra in una meditata e sofferta autoanalisi. In principio sta il naso. Sproporzionato, prorompente. Lo vediamo “deformato” infantilmente ma inesorabilmente nel disegno, dall’arte che calca e tradisce il segreto ben custodito. Di lei, l’artista che si produce sul palcoscenico della sua vita nel racconto del libro, abbiamo detto; lui (l’incontro fatidico) è un chirurgo plastico, fatto apposta per essere respinto: troppo “vicino” al problema, un attentato al suo segreto. Lei, sulla difensiva, dopo averne escogitate molte, per autoconvincersi che la storia appena cominciata no, non può andare avanti, ritenta. Fa la proposta: scriviamoci cartoline, raccontiamoci con parole e immagini ciò che facciamo quotidianamente, per dirci chi siamo, per conoscerci. Partono cartoline divertenti, creative, i due si sentono più vicini, resi complici dall’originale scambio epistolare. Sul naso, silenzio. Ma l’esercizio epistolare scivola verso la confidenza e il naso che sta lì, sta lì, non può più aspettare. Affrontarlo significa tornare indietro, ripercorrere le tappe di una vita, ripensarsi. Dirlo. E l’artista-autrice si produce nel suo segreto, come il chirurgo plastico nel suo, perché anche lui (forse come tutti) ne ha uno. Lei finalmente si accetta così, con il suo naso che è lei e non può essere alienato da lei, pena una più severa alienazione. Lui ha tutto il diritto di dirsi a lei e di tacere a noi. A noi importa vedere questa soluzione.

Rosella Picech
(da LiBeR 123)

Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter