I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
 progetto del mese  la cassetta degli attrezzi segnali di lettura  scelti per voi
 zoom editoria
Bookmark and Share
La notte non fa paura

Buonanotte luna
Margaret Wise Brown, ill. di Clement Hurd
trad. di B. Tognolini
Nord Sud, 2017, 30 p.
€ 12,90 ; Età: da 3 anni

I bambini sono sempre stati, e lo sono ancora, timorosi nel lasciare il mondo conosciuto del giorno per quello sconosciuto della notte. Il libro, pubblicato nel 1947, rinnovato nel testo e nelle illustrazioni nel 1975, “più venduto nel mondo con 48 milioni di copie” è sempre attuale e rassicurante per il “lettore” perché in modo originale lo avvicina senza più timore a un mondo che non conosce. Il protagonista, un piccolo coniglio umanizzato, saluta tutto ciò che sta nella sua stanza, rassicurato dalla luce lunare, dalla fiamma del camino e dalla “nonna” che gli racconta una storia. Simile a un bambino il coniglio è inquieto, non sta sotto le coperte, si agita salutando dapprima la luna: “Buona notte, luna” e poi dà la buona notte a due gattini, alla signora azzurra, al palloncino rosso, a due calzini e due guantini stesi accanto al fuoco ad asciugare, a due quadri, al budino, alla spazzola, al pettine. Sono tutti elementi che appartengono all’esperienza infantile. Su una sedia a dondolo è posato un lavoro a maglia. In una pagina successiva si siede la nonna che ha smesso di sferruzzare per raccontare una storia al piccolo seduto sul letto, che alla fine della narrazione si infila sotto le coperte alle parole della nonna: “Zitto bambino”. Si fa buio nella stanza illuminata da una luna piena e da un cielo stellato. E nella notte ora anche le cose stanno zitte.
Due componenti fondamentali rendono fascino a un libro senza tempo: l’efficacia narrativa della traduzione poetica di Bruno Tognolini. Il suo linguaggio, con la ripetizione “Buonanotte”, è coinvolgente e rassicurante e sottolinea con efficacia quello iconico che si sviluppa su due piani. Nel primo è illustrata la stanza su doppia pagina molto colorata con prevalenza di verdi e rossi intensi, mentre in ognuna delle due pagine successive è presente un particolare della camera racchiuso in una macchia grigio chiaro che spicca sullo sfondo bianco. L’ingrandimento del particolare è un invito al lettore a rigirare le pagine e individuare ciò che gli è sfuggito, e l’ originalità delle illustrazioni del libro, valorizzato dalla poesia del testo dal semplice ritmo, può fargli dimenticare la paura della notte.

Maria Letizia Meacci
(da LiBeR 117)


Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter