I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
 progetto del mese  la cassetta degli attrezzi segnali di lettura  scelti per voi
 zoom editoria
Bookmark and Share
Oltre la perfezione e l’individialismo

[Im]perfetti
Luigi Ballerini
Il Castoro, 2016, 336 p.
(Il Castoro bambini)
€ 15,50 ; Età: da 11 anni

La fantascienza distopica, cioè la rappresentazione di un futuro negativo, continua a improntare molta narrativa rivolta agli adolescenti, non solo prefigurando gli sviluppi sociali più eclatanti del presente, ma intrecciandoli con le caratteristiche psicologiche di un’età di transizione e formazione, e questo è uno dei motivi del suo gradimento. Il tema del libro non è nuovo: in una società che vuole solo esseri perfetti nati in provetta grazie a una selezione genetica e destinati a comandare, i nati da donna alla vecchia maniera sono cittadini di serie B condannati a servire.
Basti pensare alla trilogia Brutti-Perfetti-Speciali o al più recente Flawed, ovvero fallati, marchiati a fuoco con una F (come nella Lettera scarlatta), mentre [Im]perfetti echeggia Hunger Games, ma senza aspetti cruenti. C’è, invece, il Grande Spettacolo dei Talenti studiato per selezionare gli Eccelsi tra i Perfetti e funzionare da oppio per un popolo di spettatori/consumatori, naturalmente con avanzatissime tecnologie interattive e immersive. Ballerini, medico e psicoanalista, rispetto ai succitati e omologhi romanzi aggiunge una più forte attenzione e tensione narrativa riguardo alle ordinarie dinamiche adolescenziali della crescita, questa volta, però, in situazioni straordinarie, estreme, rappresentate da una società distopica e da una gara dove i concorrenti da avversari diventano nemici e dove la regola è un individualismo esasperato, per cui gli altri sono un ostacolo alla tua realizzazione. Non a caso già oggi nella realtà molte trasmissioni televisive si basano sull’eliminazione di qualcuno, cuoco, cantante, attore: sei fuori! La distopia vede le tendenze in atto e disegna un futuro in nero. Eira P, Adon P e Maat P (la P naturalmente sta per Perfetti, anche se ciascuno nasconde uno scheletro nell’armadio) pervengono alla finale del GST in un percorso che riserva ai concorrenti più di una trappola, ma la vera sorpresa per il Sistema che governa tutto, malgrado sia combattuto dalla Ribellione, viene proprio dai tre. E sarà una sorpresa sconvolgente anche per loro. In un finale che ricorda quello di Blade Runner con la sequenza di Shining ceduta da Kubrick: a buon intenditor…

Fernando Rotondo
(da LiBeR 114)

Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter