I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
  Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Le doppie notti dei tigli – Corso tenuto da Antonio Faeti, Bologna, ottobre 2009 - maggio 2010

Lezione 9 – Il diario
Il diario (1942-1944)
di Anna Frank, 1929-1945


La ragazzina che ci scrive nell'alloggio segreto e annota per noi, con luminosa capacità di penetrazione, fatti in sé minimi che lì divengono epocali, chiede di essere letta, prima di tutto, dai suoi coetanei. Essi apprenderanno, dalle pagine del Diario, proprio quegli insegnamenti che solo una loro coetanea può trasmettere, e sapranno poi discernere le fatue piccole incombenze dai veri grandi fatti, i temi e i sentimenti dalle frivole apparenze da cui sono bombardati.
Con il Diario conosceranno ciò che è maggiormente Autentico, oggi, nel reame assoluto di ogni forma di inautenticità.
Ma Anna è morta a Bergen-Belsen e quindi le cronache affascinanti dell'alloggio segreto non bastano certo a se stesse, è indispensabile che si sappia che cosa rinchiuse lì e poi uccise di stenti e di tifo in un lager quella geniale adolescente che scava nel suo animo e nel nostro. Così la Shoah deve essere raccontata proprio nell'ampiezza dei suoi misteri e delle sue significazioni, e occorre spiegare le miserie e gli splendori del terzo Reich e descrivere il millenario cammino degli ebrei erranti tra ghetti, pogrom, strati, segregazioni, umiliazioni.
La persecuzione degli ebrei dura anche oggi, per essa si sono trovate nuove giustificazioni, anche Anna anticipa, ovviamente, il senso nascosto della banalità del male. Il vitalismo della ragazzina segregata deve sempre essere fatto risaltare, perché il Diario è il contrario di un documento tanatologico e fa vibrare di vita vera ogni piccolo evento. Nessuna lettura adolescenziale può essere paragonata a quella che si ottiene dalle pagine di Anna, perché la ragazzina non può sprecare mai nulla mentre l'adolescenza è – anche – l'età dello spreco. E dialoga con la Storia, nel rifugio segreto, perché sa che tutte le amnesie storiche portano al disastro.

Il pittore di riferimento è Marc Chagall (1887-1985)
 
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter