I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
Libri e ragazzi - Argomenti - Argomenti - Le doppie notti dei tigli - I 25 libri - Lezione 24 – Di qua dal paradiso
  Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Le doppie notti dei tigli – Corso tenuto da Antonio Faeti, Bologna, ottobre 2009 - maggio 2010

Lezione 24 – Di qua dal paradiso
Di qua dal paradiso (1920)
di Francis Scott Fitzgerald, 1896-1940


Scritto da un ventiquattrenne, il libro si prestò davvero a diventare il manifesto di quella generazione che, formata interamente dalle trincee sanguinose della Grande Guerra, viveva propriamente "di qua dal paradiso" perché aveva veduto subito scomparire i primi sogni, le prime estasi, le prime speranze. Il racconto, però, deve e può indirizzarsi agli adolescenti di oggi perché si collega, soprattutto, all'eterno tema adolescenziale delle illusioni perdute, della educazioni sentimentali, delle ultime lettere, del diavolo in corpo.
In una lettura attuale non si possono sprecare tutti i collegamenti che il libro richiede con la storia, con gli avvenimenti non solo americani, ma italiani e tedeschi in particolare. Perché è inevitabile pensare che si ritenessero "di qua dal paradiso" anche i legionari fiumani – molto fitzgeraldiani – di D'Annunzio, anche gli arditi di Piazza San Sepolcro, anche i ragazzi berlinesi che non videro in tempo l'uovo nel serpente e cominciarono a sfilare di nuovo con diverse camicie.
Il libro di Fitzgerald, fra i romanzi adatti per far nascere una lettura adolescenziale, trova però nella scrittura il suo momento più felice, perché lascia filtrare, in modo unitario, ansie e speranze, dubbi e amori, estasi e delusioni. Ben oltre la delicatezza poetica da cui è pervaso, si offre anche come un documento, come una prova speciale, e forse unica, di quella dimensione dell'esistere che gli adolescenti, oggi come allora, sentono propria davvero. Ritmi forsennati, pause non spiegabili, contraddizioni accettate e ribadite, clima di sospensione e di attesa: oggi più che mai ci si sente di qua dal paradiso.
Con Tenera è la notte, con Il grande Gatsby, con i racconti, si completa un tessuto letterario che, a soli 44 anni si interruppe in un certo inferno.

Il pittore di riferimento è Norman Rockwell (1894-1978)
 
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter