I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
  Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Le doppie notti dei tigli – Corso tenuto da Antonio Faeti, Bologna, ottobre 2009 - maggio 2010

Lezione 20 - Rebecca
Rebecca (1938)
di Daphne Du Maurier, 1907-1989

Rebecca deve, a un tempo, al genio di Alfred Hitchcock, che lo trasferì al cinema nel 1940, una splendida rilettura per immagini ma anche una ermeneutica limitativa che ne ha molto abbassato i livelli di lettura. Ma a una lettura adolescenziale – che per questo libro è poi l'unica davvero lecita e determinante – tutti i temi veri del romanzo riappaiono a rendere possibile una intensa ermeneutica da non lasciare smarrire. C'è il rapporto tra Amore e Morte, quello che, insieme alla Carne e il Diavolo (qui sottaciuti) definisce una linea interpretativa che va dai romantici fino ai poemi medioevali. C'è la Memoria, che si confonde, si smarrisce, si ritrova, tra i meandri di una vicenda dotata di un "prima", quello della Prima Moglie, in cui il tempo è condizionante, ricattatore, ossessionante. Gli adolescenti che oggi ricevono le turpitudini multimediali sugli amori scurrili raccontati poveramente, qui ritrovano il senso misterioso di un sentimento complicatissimo che l'autrice volutamente non decifra e non disvela. Giustamente, gli adolescenti non vedranno scodellata una miserevole soluzione, perché non accade così nella vita, dove tutto è complesso, indecifrabile, ossessivo, incerto, rabbuiato. L'amore vero può essere quello della governante per la splendida padrona, di Maxim per la sua "seconda moglie", di Rebecca per l'eros e per la vita, di Daphne per la sua lucente e tetra Cornovaglia. E, come l'amore, neppure il volgere del tempo si decifra davvero: questo è un romanzo che può far crescere, che può far maturare. Esce infatti dalle livide certezze offerte dai magazine femminili dei grandi quotidiani, ma, proprio come Rebecca, è passionale, vitalista, ingordo. Romanzo di formazione, anche, perché quando la "seconda signora De Winter" comincia a scrivere, si comprende che è maturata e che ora "sa".

I pittori di riferimento sono quelli di Bloomsbury e Dora Carrington
 
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter