I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
Libri e ragazzi - Argomenti - Argomenti - Le doppie notti dei tigli - I 25 libri - Lezione 14 – E le stelle stanno a guardare
  Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Le doppie notti dei tigli – Corso tenuto da Antonio Faeti, Bologna, ottobre 2009 - maggio 2010

Lezione 14 – E le stelle stanno a guardare
E le stelle stanno a guardare (1935)
di Archibald Joseph Cronin, 1896-1981

Medico egli stesso tra i minatori del Galles, Cronin ha collocato in questo romanzo l'attenta osservazione di un mondo fortemente emblematico, perché la miniera è uno degli spazi, non solo reali ma anche immaginativi, in cui scrittori, pittori, registi cinematografici hanno saputo trovare dignità, sofferenza, coraggio, e anche mistero e grandezza. Con l'evidente pessimismo del titolo, in cui si palesa l'indifferenza del mondo nei confronti di chi fatica, soffre, muore, Cronin ha però voluto rendere, con accigliata onestà, anche il senso di una singolare avventura umana, perché il suo protagonista si impegna nella lotta sindacale e politica, esce dalla miniera, viene eletto deputato, ma la forza bruta di una società che non consente ascesa e mobilità lo riporta poi laggiù, con la pallida luce indifferente di stelle vere e metaforiche.
Un libro molto adatto per narrare all'adolescenza quanto seria, dura, impegnativa sia la vita e come non si possa evitare di dotarsi di una capacità di soffrire, di combattere, di non fuggire di fronte all'implacabile severità degli eventi.
Si deve accostare il Cronin severissimo cronista delle nefandezze della medicina, quello del romanzo La cittadella, al Cronin che descrive i minatori, ma anche Anni verdi può completare un itinerario di lettura adatto agli adolescenti.
Il capolavoro del regista tedesco Georg Wilhelm Pabst, La tragedia della miniera, del 1931, può completare un intenso e coerente itinerario. Ma, fra i non pochi romanzi "minerari", quello che appare più misterioso e seducente è senza dubbio il troppo poco conosciuto Le indie nere, di Jules Verne, con il quale si può utilmente affiancare alla diagnosi sociale di Cronin l'inarrivabile potenza visionaria dello scrittore francese.

Il pittore di riferimento è Lovis Corinth (1858-1925)
 
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter