I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
Libri e ragazzi - Argomenti - Argomenti - Le doppie notti dei tigli - I 25 libri - Lezione 6 – Cronache di poveri amanti
  Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Le doppie notti dei tigli – Corso tenuto da Antonio Faeti, Bologna, ottobre 2009 - maggio 2010

Lezione 6 – Cronache di poveri amanti
Cronache di poveri amanti (1947)
di Vasco Pratolini, 1913-1991


Con la narrazione minuziosa, sapiente, indagatrice di ciò che accade in una piccola strada di Firenze, via del Corno, dove ogni abitante è reso con umana partecipazione, intensità psicologica e piena adesione antropologico-culturale, Pratolini ci dà una lezione valida ancora oggi. Ovvero ci insegna che il modo migliore per osservare i grandi eventi è quello di riferirsi alle piccole cronache del quotidiano, alla minuziosa indagine di vicende sempre indegne di ottenere spazio nei libri di scuola. Solo apparentemente, però, la piccola patria fiorentina di via del Corno, dove i poveri amanti vedono scorrere le loro giornate, è da considerarsi marginale e sottratta al peso dei grandi eventi. Perché le "cronache" si delineano mentre il fascismo completa la conquista del potere, e i fascisti fiorentini sono in molti modi determinanti nel portare il loro movimento alla marcia su Roma, al delitto Matteotti, alla creazione autentica della dittatura.
Per un uso didattico delle "cronache" è così indispensabile ricondurle alla Storia, sia per mezzo di altri libri di Pratolini, come Lo scialo, sia con un'attenta ricognizione dei fatti riferibili alle origini del fascismo e a come la dittatura permeò di sé le cronache povere di una vita appartata.
L'esercizio che consente di collegare via del Corno con il fatale balcone di Palazzo Venezia è di quelli che stabiliscono una regola nella pedagogia della lettura, transitando dal piccolo al grande. Poi c'è la sapienza linguistica dello scrittore fiorentino che ci consente di opporsi nettamente alle squallide cronache narrate ogni giorno dai telegiornali, e anche questa componente è da far risaltare, perché è una delle anime pedagogiche del romanzo. Via del Corno, infatti, è l'Italia.

Il pittore di riferimento è Ottone Rosai (1895-1957)
 
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter