I canali di LiBeRWEB: editori  |  biblioteche  |  librerie  |  libri&ragazzi
Copertina dell'ultimo numero di LiBeR - Fare clic per visualizzare la presentazione
Servizi LiBeR
Schede Novità
Rubriche e argomenti
di letteratura per ragazzi
Speciale
Saggio leggere
Gli indirizzari
I sondaggi di LiBeR
Produzione editoriale
La guida Librazzi
Logo - fai clic per visualizzare Guida Librazzi
  Stampa la pagina corrente  Mostra la mappa
Un'estate senza età
Un'estate senza età
Il progetto “Ricordare e trasmettere” - promosso dal Consiglio di Quartiere n. 3 di Firenze, dalla Direzione Sicurezza Sociale del Comune di Firenze, dal Sast 3 (Servizio assistenza sociale territoriale) e dalla scuola Elsa Morante - è nato da una lunga esperienza di lavoro del Servizio Sociale del Quartiere 3 con quella parte degli anziani che vivono soli e trascorrono l’intera giornata senza far parola con nessuno, senza uscire di casa, se non per visite mediche o solo se accompagnati.
Il progetto si è rivolto a coloro che si trovano a dover gestire la difficoltà di non possedere più alcune competenze che facevano parte della loro identità e che hanno la necessità di sviluppare una loro nuova dimensione che sostituisca la perdita di alcuni ruoli ricoperti nella propria vita. Di qui l’importanza di tentare di recuperare uno spazio di espressione e riflessione sul significato e sul valore delle piccole e grandi esperienze della vita, da raccogliere e trasmettere alle generazioni successive.
Per la realizzazione del progetto si è cercato il coinvolgimento di giovani volontari, scelti tra gli studenti della Scuola per operatori sociali “Elsa Morante” di Firenze.
Il Quartiere 3 ha affidato a Idest la fase esecutiva del progetto, dando vita a una collaborazione tra competenze e figure professionali differenti, quali gli assistenti sociali del Quartiere, lo psicologo Marco Venturelli, il giornalista Iacopo Gori, la scrittrice Domenica Luciani.
Il primo frutto di questa collaborazione si è concretizzato nella progettazione e nello svolgimento di un ciclo preliminare di incontri con i giovani volontari.
Tra gli obiettivi del corso, primo fra tutti è stato quello di preparare i giovani all’“impatto” con anziani “reali”, non frutto di immagini stereotipe, e non appartenenti alla propria famiglia di origine. Gli incontri con il giornalista hanno avvicinato i ragazzi alla tecnica dell’intervista e dato suggerimenti per la trascrizione del materiale raccolto che sarebbe poi stato consegnato alla scrittrice per una successiva rielaborazione.
Dopo il corso i volontari hanno iniziato a frequentare per una o due volte alla settimana gli anziani ai quali sono stati abbinati. Questa parte del progetto si è conclusa dopo sei mesi e il bilancio nel suo complesso è stato positivo.
I volontari hanno aderito con interesse, pur mostrando motivazioni di partenza anche molto diverse fra loro. Dai colloqui e dalle discussioni in gruppo, è emerso che questa esperienza a contatto diretto con anziani soli, talvolta malati o comunque costretti a casa, può avere assunto significati differenti per ciascuno di loro:
- per alcuni si è trattato di una prima esperienza più vicina al lavoro che allo studio, con la possibilità di incontrare professionisti in un ruolo-adulto diverso da quello di insegnante e di genitore a cui sono più abituati;
- per altri questo impegno ha  rappresentato anche un piccolo test rispetto alla propria motivazione verso un possibile futuro lavoro con persone appartenenti a questa fascia d’età;
- alcuni l’hanno considerata come un’esperienza di volontariato vera e propria, vista come occasione di arricchimento personale e come una valida opportunità per comprendere più da vicino la condizione di solitudine e di emarginazione che alcuni anziani si trovano a vivere.
Incontrando gli anziani i ragazzi hanno avuto la possibilità di confrontarsi con vari temi dell’esistenza umana e riflettere sul valore del rapporto tra passato e presente nella vita di un individuo.
La fase conclusiva dell’intero progetto ha visto l’intervento della scrittrice, che ha preparato un testo rivolto agli studenti delle scuole medie inferiori e del biennio delle scuole medie superiori e liberamente ispirato al materiale raccolto dai volontari nell’arco dei mesi di lavoro

Copertina di Unestate senza età

Il libro Un'estate senza età
edito da Idest, documenta il progetto "Ricordare e trasmettere" promosso dal Consiglio di Quartiere 3 del Comune di Firenze

L'iniziativa ha coinvolto un gruppo di giovani volontari, studenti della Scuola Elsa Morante di Firenze, e alcuni anziani non autosufficienti.
I giovani, dopo una prima fase di sensibilizzazione e formazione, hanno avviato una serie di incontri domiciliari con gli anziani, durati per circa sei mesi.
Le testimonianze raccolte dai volontari sono state liberamente rielaborate nel testo "Un'estate senza età" di Domenica Luciani.
Il libro si propone in formato testa-coda.
La prima parte propone  il testo di Domenica Luciani e una presentazione del progetto. 
La seconda, dal titolo Storie di "vecchi" amici, a cura di Domenico Bartolini e Riccardo Pontegobbi, propone contributi critici e suggerimenti di lettura per giovani ed educatori

Copertina di Storie di vecchi amici
 
Nuova ed.
Twitter
LiBeR su Facebook

LiBeR su Facebook
Servizi di LiBeRWEB
Convegni
Iniziative del Centro regionale di servizi per le biblioteche per ragazzi di Campi Bisenzio
Elenco delle iniziative
Iscrizioni on-line
Newsletter
Logo Newsletter
La newsletter mensile che puoi ricevere gratuitamente nella tua casella di posta elettronica
Archivio delle newsletter

Iscriviti alla newsletter